venerdì, maggio 19, 2006

elia sabaz#2



Ferocissime scadenze mi stanno tenendo lontano dalla storia di Elia Sabaz (vedi primo post di questo blog), sto portando avanti con fatica le matite del secondo episodio, e si avvicina l’entrata in scena della protagonista femminile: Giuditta. Mi accorgo con sgomento che non ho ancora definito la grafica del personaggio. Mi metto alla ricerca. Questo è il tentativo migliore (per me) fino ad ora. Ma non ci siamo, deve essere più giovane e si deve capire (come??) solo guardandola che è una poetessa, senza utilizzare facili espedienti retorici (tipo aria da sognatrice o eccessiva trasandatezza)…
Ce la farò?

4 commenti:

bardamu ha detto...

questi ultimi personaggi sono davvero carini!

iodisegno ha detto...

grazie Duccio,
come ho già detto mi piace quel tuo segno un po' alla Tardi -tanto per trovare somiglianze, cosa che fa sempre MOOOLTO piacere a chi riceve il commento ;) - e me ne attendo delle belle dalla collaborazione con emiliano...

ciao

emo ha detto...

@antonio> complimenti anche da parte mia!
e grazie ancora per l'incoraggiamento! :)

Anonimo ha detto...

per la poetessa: io consiglierei una faccia un po' più tondina, poco trucco o niente, occhi grandi. poi nella storia si dovrebbe capire subito che, appena i due si incontrano, lei si innamora così, a prima vista e che, mentre parla e ride alle battute di elia, nel cuore dice "questo è mio".
al primo incontro elia dovrebbe avere una camicia un po' larga e azzurrina, dovrebbe arrivare in ritardo, fare un po' lo scemo ma suonare bene e guardare più di una volta dalla parte della poetessa. questo basta. diciamo meglio, è bastato.


tua silvia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...