martedì, settembre 22, 2009

Meno uno!

Domani è il gran giorno.
Comincio a festeggiare facendo una serie di trailer con diverse colonne sonore.
Il primo è questo, in cui ho utilizzato una mia vecchia canzone che si intitola "Povero me".







Sì, sono io che canto (e suono).

Sul canale youtube di Lizard c'è la versione shakerata dal bravo Roberto La Forgia.

10 commenti:

Manola ha detto...

Ciao Antonio!! ^____^ è una notizia super meravigliosa!!!! Sono troppo troppo contenta per te!! Un caloroso abbraccio!
M.

Daniele Vessella ha detto...

magnifico!

miremari ha detto...

grande!!

Jazz from Italy ha detto...

Ho visto appena ieri la tua "custodia", chiusa nel suo silenzio, sullo scaffale della vita.

Non cercavo niente, perchè da tempo non trovo niente che riesca a sorprendermi o a farmi sussultare il cuore, eppure l'ho presa e l'ho portata via, senza aprirla, senza cercare nelle liner notes qualcosa chi mi facesse avvicinare a "questo" Sualzo.

L'ho presa così, d'improvviso, come si ruba uno sguardo.

Ieri notte stesso l'ho fatta girare sul piatto vuoto dei miei sentimenti e, tutto d'un fiato, tranne il tempo di accendere una sigaretta e girare la storia sull'altro lato, l'ho ascoltata piano, intimamente in cuffia, per godere della sua delicatezza e della sua Poesia.

Poi ho chiuso gli occhi, portandomi dietro l'eco dei tuoi suoni.

Oggi, dopo il caffè, ho scelto la stessa musica.
L'ho rimessa sul piatto del giorno nuovo e, tutto d'un fiato, tranne il tempo di accendere una sigaretta che era molto più buona e girare la storia sull'altro lato, l'ho ascoltata a tutto volume, andando avanti e indietro con il selettore dei sentimenti, alternando le takes per gli assoli che più mi avevano colpito, oppure impostando la modalità random per sorprendermi ancora, ancora e ancora.

Ed era sempre nuova e bella.

Mi sono sorpreso delle mie emozioni, vive ed improvvise come una pioggia d'agosto, mi sono stupito di trovarle lì, in una costodia che non aspettava altro che essere aperta, mi sono sentito libero e sparso in mille pezzi colorati.

Se Gianni aveva il muso tutto bagnato nel suo letto, le mie lacrime sono arrivate fino alle radici dei miei desideri, hanno inondato lo stagno immobile dei miei pensieri, hanno portato nuova vita al mio cuore che, da troppo tempo, era solo attento ad essere sul tempo, ed aveva perso lo swing vitale.

Dovrei ringraziarti, Antonio, mi hai ricordato com'ero, come sono sempre stato.

Dovrei ringraziare la tua Storia che ha tolto un pò di sale da quelle piccole ferite "che dolcemente lacerano e non danno nessuna morte".

O forse dovrei maledire la tua Poesia, che mi ha mostrato il riflesso di come non ricordavo più di essere, dovrei invidiare "la tua forza che mi spaventa",
Io "nemico in ritirata, vento in calare sono, vento da niente".

No, devo ringraziarti davvero Antonio, e lo faccio, di cuore.

GRAZIE fratello, per avermi insegnato un'altra via per la libertà, grazie per avermi ricordato che il Jazz è un modo di essere.

Luc ha detto...

beh, dopo quello che ha scritto Jazz From Italy .... che dire.
Se l' effetto è questo, Antonio, il tuo modo di fare questo mestiere, è meraviglioso.

iodisegno ha detto...

Manola, Daniele, Miremari: molte grazie, mi fa piacere trovarvi qui all'inizio di quest'avventura...

iodisegno ha detto...

Jazz from italy: che dire... nelle ore solitarie del disegno (e sono tante) uno si chiede sempre con trepidazione se e in che misura quello che sta facendo arriverà agli ipotetici lettori. Ma devo dire che quello che hai scritto supera ampiamente tutte le mie previsoni...
Sono anche un po' commosso e potrei cadere subito in una valanga di banalità quindi mi fermo e ti dico Grazie. Son parole, le tue, da mettere da parte per gli inverni (e sono tanti)...

In più ora siamo pari, mi hai fatto scoprire il tuo blog-miniera, ci tornerò spesso.

Un abbraccio.

iodisegno ha detto...

Luc: ci sono anche i tuoi consigli e il tuo affetto in questo libro, quindi prenditi la tua parte! :)

daniele marotta ha detto...

ciao,

Ho appena finito il tuo libro!
L'ho trovato intenso, umano, ottimamente scritto e disegnto, una delle migliori graphic novel uscite in Italia da tempo..

Complimenti!

Daniele

iodisegno ha detto...

Daniele. Ti ringrazio molto, è veramente gratificante sentire questi giudizi da chi legge quello che hai fatto. Grazie ancora.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...